08/11/2006 - Opeth + Paradise Lost @ Roundhouse - Londra (Gran Bretagna)

Pubblicato il 12/11/2006 da

A cura di Luca Pessina

Allora… se gli Opeth suonano a Londra, se è stato reso noto che il loro concerto verrà filmato per un DVD e se ad aprire la serata sono stati invitati come very special guest i Paradise Lost, il risultato quale può essere? Facile: locale sold out e fila chilometrica (nel vero senso della parola!) all’ingresso. Metalitalia.com era presente alla Roundhouse di Londra il 9 novembre e qui di seguito vi racconterà cosa è accaduto durante questo appuntamento speciale!

PARADISE LOST

Quanto erano “metal” i Paradise Lost questa sera! Ok, Aaron Aedy non ha più capelli da almeno dieci anni e Steve Edmonson pare non volerne più sapere di farseli ricrescere, ma che sorpresa è stato vedere Gregor Mackintosh e Nick Holmes in vesti così old school… capelli lunghi e abbigliamento rigorosamente nero! Molte delle oltre mille persone presenti alla Roundhouse erano lì per loro e non poche sono rimaste colpite da tale immagine e, in generale, dall’attitudine della band on stage, che ha continuamente fatto headbanging e invitato il pubblico a partecipare. Sembrava quasi di essere ritornati nel 1995! Forse la band era conscia che si sarebbe esibita di fronte ad un pubblico decisamente metal, o forse aveva semplicemente voglia di dare una rispolverata al vecchio repertorio (negli ultimi tour spesso ignorato)… sta di fatto che con i Paradise Lost questa sera non si è fatto un tuffo nel passato soltanto dal punto di vista dell’immagine, ma anche e soprattutto da quello musicale! Provate ad immaginare lo sgomento di chi scrive e di molti altri fan quando il gruppo ha proposto classici come “Pity The Sadness” o “Eternal” accanto a canzoni più recenti come “Grey” o “No Celebration”! Nick Holmes ha solamente accennato il growl, ma che goduria riascoltare dal vivo simili capolavori. Tra l’altro i suoni erano perfetti e si è riusciti a godere di tutte le finezze di Mackintosh, quest’ultimo davvero più in forma che mai. Come accennato da loro stessi in un comunicato stampa tempo fa, i Paradise Lost hanno tenuto praticamente un vero e proprio concerto questa sera, lasciando il palco dopo poco più di un’ora. Un’ora di musica che ha letteralmente esaltato tutti i loro fan e che non ha fatto altro che rendere questi ultimi ancora più ansiosi di sentire la loro nuova opera. Se il gruppo riuscirà a riversare tutta la carica messa in mostra questa sera nel nuovo disco – in uscita in tarda primavera su Century Media – ne vedremo delle belle!
 
PARADISE LOST SETLIST:
 
Isolate
Grey
Hallowed Land
Erased
Redshift
Embers Fire
No Celebration
Shadowkings
Pity The Sadness
As I Die
One Second
Forever After
Eternal
Say Just Words
 
 
 
 

OPETH

C’è ben poco da dire che non sia già stato detto su un concerto degli Opeth. Il gruppo svedese negli ultimi anni è andato in tour spessissimo ed è diventato praticamente perfetto sotto ogni punto di vista. Gli ultimi arrivati Per Wiberg e Martin Axenrot si sono inseriti alla grande nella band e il leader Mikael Akerfeldt ha affinato sempre più le sue doti di frontman, non limitandosi più a suonare e cantare, ma spendendo sempre anche qualche frase per annunciare ogni brano e per intrattenere la folla. Già di norma ogni concerto degli Opeth è visto come una sorta di evento da tutti i loro fedelissimi fan, quindi potete immaginare la tensione che si respirava questa sera all’interno della Roundhouse di Londra, il luogo scelto dal quintetto per filmare il suo nuovo DVD. Ci si chiedeva che brani i nostri avrebbero proposto, se ci sarebbe stato spazio per qualche sorpresa, oppure se il palco sarebbe stato allestito in una maniera particolare. Per fortuna, una volta terminato l’ottimo show dei Paradise Lost, il cambio palco è stato breve e alcune delle curiosità sono state immediatamente soddisfatte. Contrariamente alle aspettative, il palco non presentava alcuna scenografia ad eccezione di un maxi schermo, sul quale in seguito sarebbero state proiettate delle suggestive immagini legate ai titoli dei brani e ai rispettivi album. Batteria e tastiere ovviamente erano state posizionate in fondo, una vicino all’altra, mentre al centro capeggiava il microfono di Akerfeldt, pronto a diventare uno dei protagonisti della serata. Come dicevamo, il tempo intercorso tra lo show dei Paradise Lost e quello degli Opeth non è stato lungo: dopo appena venti minuti le note dell’intro hanno iniziato a fuoriuscire dagli amplificatori e, ancora con le luci accese, i cinque hanno fatto il loro ingresso, salutando calorosamente la folla. Il ruolo di opener dello show è toccato alla magnifica “When”, uno dei brani migliori del capolavoro “My Arms Your Hearse”. Si è notato subito che i suoni erano calibrati in modo eccellente e che il pubblico era stra-entusiasta, tanto che spesso capitava che i cori quasi coprissero la voce di Akerfeldt. Non male davvero, come inizio. Ma il bello doveva ancora arrivare, perchè, dopo l’esecuzione della nuova “Ghost Of Perdition”, gli Opeth hanno dato spazio a composizioni fra le più ricercate della loro discografia! Stiamo parlando di “Under The Weeping Moon”, di “Face Of Melinda” e, soprattutto, di “The Night And The Silent Water”… quest’ultima non suonata in sede live da circa dieci anni! Onore agli Opeth per essere stati tutto fuorchè prevedibili nello scegliere le song da proporre: essendo ancora in tour per promuovere “Ghost Reveries”, sarebbe stato comodo puntare su quest’ultimo o sui dischi appena precedenti, invece i nostri hanno dimostrato di avere ancora a cuore la loro vecchia discografia e di non volerla affatto dimenticare. Oltre ai succitati brani, c’è stato spazio anche per “Bleak” e “Blackwater Park” – più recenti, ma non sempre suonati negli ultimi tempi – e per “Windowpane” da “Damnation”, unica parentesi totalmente soft dello spettacolo. Dopo oltre un’ora e mezza di concerto, gli Opeth si sono dunque cimentati nel classico siparietto dei finti saluti, abbandonando il palco per poi ricalcarlo un paio di minuti dopo tra gli applausi. Anzichè annunciare subito un altro pezzo, Akerfeldt ha però speso un po’ di tempo nel presentare i suo compagni della band e solo dopo una decina di minuti i nostri hanno ripreso in mano gli strumenti, salutando il pubblico con una versione decisamente brutale di “Demon Of The Fall”. Durante l’esecuzione di quest’ultimo, gli astanti si sono davvero scatenati, arrivando anche ad esibirsi in alcuni stage-diving, cosa alquanto insolita per un concerto degli Opeth. A brano concluso, si sono sprecate le richieste per un nuovo bis, ma il tempo a disposizione del quintetto questa volta era proprio esaurito. Le luci si sono accese e i cinque svedesi hanno giusto fatto in tempo a ringraziare i fan e a stringere qualche mano prima di essere anch’essi allontanati verso i camerini. D’altronde, a Londra le cose vanno in questa maniera ai concerti: se alle 23 si deve finire, alle 23 si finirà… senza guardare in faccia a nessuno!

OPETH SETLIST:
 
When
Ghost Of Perdition
Under The Weeping Moon
Bleak
Face Of Melinda
The Night And The Silent Water
Windowpane
Blackwater Park
Demon Of The Fall
 
 
 
 
 

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.