04/07/2010 - OZZY OSBOURNE + LABYRINTH @ Villa Contarini - Piazzola Sul Brenta (PD)

Pubblicato il 12/07/2010 da
Live report a cura di Alessandro Corno
Foto a cura di Giuseppe Craca
 

 

Un concerto di Ozzy Osbourne non è una cosa poi così frequente e la data che lo storico frontman dei Black Sabbath ha tenuto lo scorso 5 luglio a Piazzola Sul Benta era un evento imperdibile per i suoi fan. Forte del nuovo e discreto album “Scream” e della spettacolare autobiografia “I Am Ozzy”, che avrà sicuramente contribuito a rafforzare il suo status di leggenda vivente, Ozzy ha trovato a occhio e croce cinque-seimila persone ad attenderlo di fronte al palco. Non male se si pensa alla data infrasettimanale e al notevole costo del biglietto. Metalitalia.com ha avuto l’onore di fare la sua piccola parte in questa preziosa occasione permettendo a cinque (alla fine sette) suoi lettori di incontrare Ozzy di persona e il nostro racconto di questa giornata inizia proprio da lì.

 

 

IL MEET & GREET

Come molti di voi sapranno, grazie alla collaborazione con Live e Sony Music, Metalitalia.com ha organizzato in esclusiva un incontro di alcuni suoi lettori con Ozzy. Cinque erano i fortunati che si sarebbero aggiudicati l’ambita opportunità di stringere la mano a uno dei capostipiti della musica heavy e di ricevere inotre un ingresso omaggio per il concerto e una copia dell’ultimo album “Scream”. Eccoci dunque qui fuori dai cancelli con i cinque fortunati un’oretta prima dell’inizio dei concerti, in trepidante attesa di accedere all’area backstage. A sorpresa ci viene concesso di ammettere all’incontro anche altri due ragazzi che viaggiavano assieme a due dei vincitori e veniamo scortati dietro al palco dove, dopo pochi minuti, fa capolino Ozzy. C’è tempo giusto per una battuta, un autografo e qualche foto a testa, scattate dal nostro fotografo Giuseppe Craca. L’emozione dei sette ragazzi, cosiccome quella di noi che li accompagnamo, è palese. Ozzy, nerovestito, truccato e armato di pennarello, è piuttosto tranquillo, disponibile e accetta volentieri una maglia azzurra per lui personalizzata regalatagli proprio da uno dei cinque nostri lettori (la stessa maglia che Ozzy indosserà poche ore dopo durante il finale del concerto). Passano pochi minuti, Ozzy saluta e si dilegua, e la sicurezza invita tutti a lasciare il backstage e ad accedere all’area concerti. Soddisfatti sia per noi che per i nostri lettori, non possiamo fare altro che ringraziare Live e Sony Music per averci permesso di co-organizzare un’iniziativa così unica.

 

 


 

IL CONCERTO

Tocca ai Labyrinth aprire per Ozzy e per loro è una vetrina a dir poco prestigiosa nonché un’altra occasione d’oro per celebrare questo loro rilancio dopo il rientro in formazione dello storico chitarrista e songwriter Olaf Thorsen.  Discreto il numero di loro sostenitori sotto al palco, nonostante il power metal proposto dal sestetto non sia esattamente in linea con lo stile molto più tradizionale dell’headliner. La loro prova è apprezzata e gli applausi non mancano, indice che questo gruppo goda ora di un rinovato seguito. Buona la prestazione soprattutto a livello strumentale, mentre il singer Roberto Tiranti appare un tantino meno in forma rispetto ai suoi standard e in vari passaggi tende a risparmiarsi un po’ troppo. Solo una manciata i brani a disposizione per una mezz’oretta di set che passa dalla nuova e convincente “A Chance” fino alle più datate e sempre apprezzatissime “Moonlight”, “New Horizons” e “In The Shade”. Non perfetti come in altre occasioni, i Labyrinth aggiungono comunque un altro importante tassello a questo loro nuovo-vecchio corso che li sta riportando ai vertici della scena classic-power italiana.

 

OZZY OSBOURNE

Le nuvole si avvicinano e il vento inizia a muoversi quando le luci del palco si accendono il Principe delle Tenebre irrompe sulle note di “Bark At The Moon”, accompagnato da un’ovazione generale della platea. I suoni non sono subito perfetti e ci vuole qualche istante prima che vengano sistemati al meglio. Quello che veramente conta è però constatare già dai primi pezzi, tra cui il nuovo singolo “Let Me Here Your Scream” la cui resa live è più che buona, che il sessantunenne frontman dei Black Sabbath è decisamente più in forma del previsto. La sua voce tiene abbastanza bene e anche le sue movenze sul palco appaiono meno impacciate che in altre occasioni. Dimenticato dunque lo show piuttosto mediocre del Gods Of Metal 2007, ci godiamo uno dietro l’altro grandi classici come “Mr. Crowley”, “I Don’t Know”; qualche chicca come la sabbathiana “Fairies Wear Boots” (sulla quale purtroppo l’amplificazione si ammutolisce per qualche istante) o l’insolita “Killer Of Giants”. Ozzy, armato di idrante e del fido secchio d’acqua, tira fuori come al solito il suo buffo carisma ma in questa serata appare piuttosto concentrato sulla performance. Gus G., il secondo principale osservato, deve combattere contro la figura di Zakk Wylde, chitarrista di cui ha preso il posto. Il pubblico difatti, a differenza del calore con cui acclama la sezione ritmica Blasko-Tommy Clufetos, è piuttosto freddo con Gus persino quando questi si esibsce nel suo discreto assolo, sul quale accenna anche “Bloodbath In Paradise”. Per conto di chi scrive, il greco non avrà il carisma, lo stile e la personalità di Zakk ma la sua prova è convincente e, soprattutto sui brani dell’era Rhoads o Black Sabbath, la resa è ottima e più fedele all’originale rispetto a quanto era solito fare il biondo frontman dei Black Label Society. Spettacolari dunque le attesissime “Iron Man” e “War Pigs”, classici intramontabili che non ci resta che sperare di poter apprezzare anche con i Black Sabbath in formazione originale. La pioggia inizia a cadere copiosamente, la fine dello show è prossima e Ozzy su “Crazy Train” è, permetteteci di dire "giustamente", un tantino in debito d’ossigeno. Solo il tempo di una pausa ed ecco che torna sul palco vestito con la maglia azzurra personalizzata che il nostro lettore gli aveva regalato durante il meet & greet. Un bellissimo gesto a cui segue la grande chiusura con l’immancabile “Paranoid”. Chi si aspettava un concerto sottotono o chi è rimasto a casa convinto che Ozzy fosse ormai una sorta di relitto umano, è stato sorprendentemente smentito da una performance più che buona, decisamente al di sopra delle più recenti esibizioni del leggendario frontman. Come già accennato, con Ozzy in questo stato di forma non resta che sperare in una reunion dei quattro musicisti che hanno inventato l’heavy metal.

 

SETLIST:

Bark At The Moon

Let Me Hear Your Scream

Mr Crowley

I Don’t Know

Fairies Wear Boots

Suicide Solution

Road To Nowhere

Shot In The Dark

Rat Salad + guitar & drum solo

Iron Man

Killer Of Giants

I Don’t Want To Change The World

War Pigs

Crazy Train

Paranoid

 

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.