14/04/2011 - RAVENSCRY Release Party @ Zoe - Milano

Pubblicato il 19/04/2011 da

A cura di Dario Cattaneo

E’ una cornice strana (almeno per il sottoscritto) quella in cui si è svolto il release party dei Ravenscry, giovane band milanese presente in serata nel luogo allo scopo di presentare il debutto “One Way Out”. Strana perché lo Zoe Club non è una vera e propria sala concerti, ma una discoteca alternative/dark, nota al popolo della notte milanese quasi più per le serate Black Circus, eventi che richiamano un gran numero di giovani nerovestiti e dall’aspetto peculiare, piuttosto che per i concerti che comunque settimanalmente vengono organizzati. La cornice è dunque pittoresca, con simpatici banchetti di body art e ragazze intente a farsi dipingere il corpo, ma la musica è invece quella che piace a noi. Posti a cavallo di gothic metal, alternative e qualcosa ancora più elettronico, i Ravenscry ci regalano una bella serata di musica ben suonata ed interpretata, prima che il sipario si chiuda davanti a loro e le cubiste si mettano a ballare sul ritmo di qualcosa di più dark ma decisamente meno metal. A voi dunque il report di questa alternativa serata, cui Metalitalia.com ha partecipato in quanto convinta delle potenzialità di questa giovane band, autrice di un ottimo debutto e di una buona performance davanti ai presenti.

RAVENSCRY

Lo show inizia intorno alle undici e mezza, e un sipario rosso viene aperto mostrando al pubblico i membri della band come cinque marionette, legati per i polsi a dei fili pendenti dal soffitto. Uno a uno i fili si staccano e i musicisti imbracciano i loro strumenti, in attesa che la musica di introduzione finisca. L’attacco con la prima song è frontale, e i suoni ci raggiungono compatti, anche se con un volume che come sempre seppellisce un po’ le alte frequenze sotto il marasma di quelle basse. La band dà comunque segno di sapersi muovere bene sul palco, e di trovarsi a proprio agio con le ritmiche stoppate e veloci delle loro canzoni. L’intesa è buona e così la presenza scenica, e il tutto fa da sfondo alla brava Giulia, che stupisce i presenti con una prestazione vocale a livello di quella in studio, dosando perfettamente voce e respiro anche nei frangenti più complessi. Nonostante si tratti virtualmente di una specie di ‘prova zero’ per la band, la tensione non pare particolarmente visibile e le prime tre canzoni passano con buon divertimento da parte della band ed un certo coinvolgimento del pubblico che, stretto davanti al palco, segue attento lo show. Nel corso dei minuti a disposizione della band, la simpatica frontwoman ringrazia un po’ tutti coloro che hanno aiutato nella realizzazione del loro debutto “One Way Out”, dal management alla casa promotrice agli organizzatori del concerto, e la band trova anche il tempo di donarci due simpatiche sorprese prima di lasciare gli altoparlanti al DJ dello Zoe Club: la prima è la presenza di un ospite alle prese con delle parti di strumento a fiato presenti sulla prima parte della lunga suite “Redemption”, la seconda è invece la partecipazione dell’attuale vocalist della progressive metal band tedesca Dreamscape, il bravo Francesco Marino, che per l’occasione duetta con la cantante in una delle canzoni finali. Abbiamo voluto essere presenti per valutare anche dal vivo la proposta di una band che riteniamo molto interessante ed autrice di un debutto – la cui recensione uscirà presto – di sicuro valore e dalla decisa originalità. Da quanto abbiamo potuto osservare sul piccolo palco dello Zoe, anche l’attitudine live c’è. Ora “One Way Out” è ufficialmente uscito ed auguriamo quindi alla band un ottimo futuro, rivolgendole anche gli auguri per una buona promozione dell’album

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.