04/07/2008 - The Rotted + Ted Maul + Trigger The Bloodshed @ Carling Academy - Londra (Gran Bretagna)

Pubblicato il 09/07/2008 da
A cura di Luca Pessina
 
Per celebrare la pubblicazione del loro nuovo album (o dovremmo parlare di “debut”?) i The Rotted – ex Gorerotted – hanno organizzato un release party all’Islington Academy di Londra, durante il quale il gruppo britannico si è esibito in un breve live show, preceduto da due realtà emergenti della scena death metal locale: Trigger The Bloodshed e Ted Maul. Essendo un sabato sera, ci aspettava un pubblico più numeroso, ma, evidentemente, molti dei death metallers della capitale hanno preferito andare ad assistere al concerto degli Iron Maiden allo stadio di Twickenham in programma la sera stessa. Poco male, comunque, la risposta è stata ugualmente accettabile e, nonostante i suoni abbiano spesso lasciato a desiderare, la serata si è rivelata divertente…

TRIGGER THE BLOODSHED

Purtroppo lo show dei Trigger The Bloodshed è stato mortificato da dei suoni impastatissimi, che hanno reso vano tutto l’impegno profuso dai ragazzi nella mezz’ora loro concessa. Il gruppo è apparso davvero professionale e motivato, ma di fronte al palco si è quasi fatto fatica a distinguere i brani, tanto le chitarre erano ronzanti e la batteria oltremodo amplificata. Va poi considerato che il materiale attuale della band ha la pecca di essere un po’ ripetitivo alla lunga, quindi è comprensibile che, dopo una manciata di pezzi, alcune persone si siano allontanate in direzione del bar. Da rivedere in una circostanza migliore, magari non come opener.

TED MAUL

I Ted Maul sono un gruppo praticamente sconosciuto al di fuori della Gran Bretagna. Ed è un peccato, perchè il sestetto londinese ha uno stile personale e, se promosso da un’etichetta di spessore, potrebbe davvero raccogliere ampi consensi ovunque. I nostri mischiano death metal e drum’n’bass, quasi come i Fear Factory di “Remanufacture” ma in un contesto più aggressivo e metallico, e hanno registrato il loro debut album “White Label” addirittura nei famosi Studio Fredman di Gothenburg. Il disco è disponibile ovunque nel Regno Unito, ma i Ted Maul stanno ancora cercando una label disposta a pubblicarlo all’estero. Questa sera i ragazzi si sono resi protagonisti del loro solito show ultra fisico (la band negli ultimi tempi ha supportato parecchie formazioni importanti come Suffocation, Deicide e Aborted), ma, proprio come ai Trigger The Bloodshed, è mancata loro una resa sonora all’altezza della situazione. Le tastiere e le parti elettroniche sono rimaste sommerse dalle chitarre e la voce spesso andava e veniva. Una performance sfortunata, ma, avendo avuto modo di vederlo sul palco altre volte, sappiamo con certezza che il sestetto è in grado di offrire ben altro.

THE ROTTED

Non si poteva fantasticare troppo sulla scaletta di questa sera dei The Rotted. Il gruppo guidato dall’abile frontman Ben “Goreskin” McCrow ha voluto presentare al pubblico il nuovo “Get Dead Or Die Trying” e ha perciò suonato tutti i brani della tracklist del disco, ad eccezione – purtroppo – della stupenda strumentale “28 Days Later”. A ricordare il passato a nome Gorerotted ci ha invece pensato “Only Tools And Corpses”, title track del secondo full-length, ben incastrata fra le varie composizioni nuove. Il materiale dell’ultima opera, comunque, ha dato prova di essere particolarmente adatto a essere riproposto dal vivo: soprattutto il groove di “Angel Of Meth” e della title track ha coinvolto non poco gli astanti – complici anche dei suoni un po’ più chiari – ma praticamente tutte le tracce hanno acquistato qualcosa nella dimensione live, ponendo spesso l’accento sulle influenze punk-hardcore recentemente introdotte. Da segnalare infine l’egregia prova della nuova lineup della band, che con il batterista Nate Gould e l’ex Cradle Of Filth Gian Pyres alla chitarra pare aver raggiunto livelli di compattezza e affiatamento inediti sino a poco tempo fa. Aspettiamo quindi nuove date live per saggiare ulteriormente l’abilità di questa “nuova” band… nonostante dei suoni non proprio limpidi, l’antipasto di questa sera ha senza dubbio convinto.

0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.